• Damiano Cecchelin

Globi celesti realizzati da Antonio Cecchelin sul modello di Vincenzo Coronelli del 1688

Aggiornamento: 16 ott 2021



Sono a Venezia da oltre tre secoli, sono i due esemplari unici di globi – quello terrestre e quello celeste – realizzati nel 1688 da Vincenzo Coronelli per la Serenissima Repubblica e destinati alla “Libreria di San Marco”, la Biblioteca Nazionale Marciana.

La vita di Coronelli affascina per la sua complessità: figlio di poveri artigiani, diventa frate francescano nel convento dei Frari a Venezia e inizia la sua attività di costruttore di globi. I primi li realizza per il duca di Parma nel 1678. L’ambasciatore di Francia li vede e, conquistato dalla loro bellezza, convince Padre Vincenzo a seguirlo a Parigi per realizzare una coppia di globi – terreste e celeste – da offrire in dono a re Luigi XIV per la reggia di Versailles. Coronelli parte con una squadra di “marangoni” al seguito che gli servono per costruire le due gigantesche opere che saranno di quasi 4 metri di diametro.


È l’inizio di un ventennio di successi: geografia e astronomia sono scienze che si vanno diffondendo in Europa e nobili e patrizi vogliono avere quei globi disegnati – progenitori dei mappamondi – che illustrano la terra e la volta celeste secondo le conoscenze dell’epoca. Dalla coppia dei globi francesi manoscritti, Coronelli pubblica poi una serie di riduzioni a stampa. Anche i due globi che regala alla Serenissima sono riduzioni dai francesi di 1,6 metri di diametro, ma il globo celeste della Marciana ha una particolarità in più: montato con le prove di stampa, riporta una parte dei testi scritti a mano, di pugno dello stesso Coronelli.


È propino a quest'ultimo globo celeste conservato alla Biblioteca Nazionale Marciana a Venezia che si ispirano delle opere anch'esse uniche di Antonio Cecchelin che ricreò su sfere di vetro blu cobalto di Murano il planisfero di Coronelli.



Link Esterni

108 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti